MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO “BIM & H-BIM – Un ecosistema per la gestione del progetto, del costruito e dell’ambiente fisico” ANNO ACCADEMICO 2019-2020

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO “BIM & H-BIM – Un ecosistema per la gestione del progetto, del costruito e dell’ambiente fisico” ANNO ACCADEMICO 2019-2020

Nel contesto delle attività previste nell’ambito dell’Accordo Quadro tra l’Università degli Studi del Molise e gli Ordini degli Ingegneri delle Province di Campobasso ed Isernia, gli ordini degli Architetti delle Province di Campobasso ed Isernia, i Collegi dei Geometri di Campobasso ed Isernia, l’ordine dei Geologi della Regione Molise e in conformità al DR rep. n. 1129 prot. n.41092 del 04/12/2019 è istituito per l’anno accademico 2019-2020 il Master Universitario di I livello in “BIM & H-BIM – Un ecosistema per la gestione del progetto, del costruito e dell’ambiente fisico”.

Il Master sarà realizzato in collaborazione con ITC-CNR e in partnership con alcuni tra i più rilevanti players del settore quali Harpaceas, Acca Software, Geomax. Sono in corso di formalizzazione ulteriori patrocini con enti ed istituzioni di prestigio locale, nazionale e internazionale.
Il titolo è rilasciato dal Rettore previo il conseguimento di 60 crediti formativi universitari (CFU) e valutazione positiva del lavoro di tesi, discusso al termine del percorso formativo in occasione dell’esame finale.

La Responsabilità Scientifica è affidata al prof. Giovanni Fabbrocino, Professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni presso l’Università degli Studi del Molise.
L’attività di indirizzo e di coordinamento del Master è affidata a un Comitato Tecnico Scientifico.

Finalità del corso e obiettivi formativi

Il Master ha lo scopo di fornire gli strumenti concettuali e operativi per operare in maniera consapevole e competente nel contesto del processo di digitalizzazione dell’ingegneria civile, dell’architettura e delleopere infrastrutturali. Si intende conseguire tali obiettivi attraverso un processo formativo fortemente interdisciplinare e capace di offrire un quadro approfondito delle opportunità offerte dal mondo del lavoro a valle della rivoluzione digitale rappresentata dall’introduzione del Building Information Modeling (BIM) nel mondo delle costruzioni.

L’offerta formativa è, infatti, orientata in maniera integrata e differenziata a diversi profili professionali operanti tanto nei diversi settori impegnati nella progettazione di opere di architettura e ingegneria civile quanto nella manutenzione e gestione del patrimonio costruito, incluso quello storico e archeologico. Le attività didattiche, pertanto, sono finalizzate a fornire gli strumenti per l’implementazione del processo progettuale nella sua completezza alle diverse scale operative collegate alle caratteristiche dimensionali e funzionali delle opere. Particolare attenzione verrà rivolta alle fasi necessarie alla digitalizzazione del processo, che nel caso delle costruzioni esistenti e di pregio storico e architettonico prevedono elaborazioni differenti rispetto a quelle richieste dalle nuove progettazioni. Da questa prospettiva, specifica è l’attenzione nei confronti dei problemi di scala proposti dalle opere geotecniche e dalla gestione dell’ambiente fisico e dei beni culturali. Il paradigma dell’H-BIM (Heritage-BIM) formerà oggetto di specifica attenzione, coprendo in tal modo le esigenze operative richieste dagli interventi di gestione e manutenzione strutturale di centri urbani di pregio storico oppure di contesti archeologici.

Avviso di partecipazione

dicembre 05, 2019 in News

Comments are closed.